SEAC JACK FREEDIVING & DIVE COMPUTER WATCH 

CON ALGORITMO CHE AIUTA A PREVENIRE EMOTTISI E TARAVANA

 

jack seac sub

In occasione del DEMA show 2016, SEAC ha presentato la sua punta di diamante, il nuovo computer per l’apnea (e l’ARA) che si distingue da tutti gli altri già presenti sul mercato poiché è dotato di un algoritmo unico nel suo genere che aiuta a prevenire l’emottisi/edema polmonare e il taravana con impostazioni specifiche sia per l’apneista puro che per il pescatore in apnea.

 

 

 

 jack seac

 

Funzione emottisi e taravana

Rivediamo brevemente cosa sono queste patologie.

L’Emottisi è tecnicamente “l’emissione di sangue dalle vie respiratorie” e nell’immersione in apnea, indica tipicamente la presenza di un edema polmonare. In pratica: presenza di sangue nei polmoni.

Da cosa sono causati l’Emottisi e l’Edema: I nostri polmoni sono attraversati da una moltitudine di vasi sanguigni (“capillari polmonari”) particolarmente irrorati di sangue, per spiegare il fenomeno in oggetto in parole (molto) povere paragoniamo i capillari a dei muscoli. Un muscolo sottoposto a stress troppo gradi senza un riscaldamento si “strappa”,simile cosa (nel nostro paragone) avviene ad i capillari che si trovano esposti a pressioni troppo grandi, provocando la presenza di sangue nei polmoni.

Per ridurre il rischio di Edema polmonare il JACK suggerisce quali sono i tuffi da eseguire per “riscaldare” i capillari polmonari in base alla profondità che si vuole raggiungere (impostata nella funzione OEDEMA).

Nell’esempio il valore OEDEMA è impostato a 32mt. Il computer quindi suggerirà quali profondità è consigliabile raggiungere nei tre tuffi successivi come “riscaldamento” prima di spingersi a 32mt, per ridurre il rischio di un edema polmonare e conseguente emottisi.

 

jack seac

 

Il Taravana (“pazzia” in Polinesiano) è invece una sindrome la cui prevenzione è sempre maggiormente tenuta in considerazione sia dagli apneisti che dai pescatori. I sintomi di tale sindrome sono paragonabile ad una grave MDD (malattia da decompressione) in ambito ARA e comportano disturbi della parola, della deambulazione, e nei casi più gravi disturbi convulsivi sino al coma. La medicina iperbarica non è unanime nell’identificare le cause scatenanti della sindrome, tuttavia i fattori riconosciuti che aumentano il rischio di Taravana sono:

 

• Lunghe permanenze ad alte profondità con tuffi ripetuti nel tempo (sessioni 2-4 ore) tipiche nei pescatori in apnea in assenza di tempo di recupero adeguato in superficie.

• Esposizione ad altissime profondità in assenza di tempo di recupero adeguato in superficie. (Tipiche negli apneisti sportivi)

• Ipossia (Insufficiente presenza di ossigeno nell’organismo)

• Disidratazione.

 

Il Computer dopo ogni tuffo suggerirà il “Tempo di recupero” (RECOVERY) minimo prima di affrontare il prossimo tuffo. Il Tempo di recupero è calcolato su profondità e sulla durata del tuffo precedente e (se la funzione MULTI è attiva) sul rispetto o meno del tempo di recupero del tuffo ancora precedente (richiedendo un tempo di recupero maggiore qualora non si fosse rispettato il tempo di recupero precedentemente suggerito). Una volta che il tempo di recupero consigliato è stato espletato il computer rimuove l’evidenza sul tempo di recupero pur continuando a visualizzare l’attuale tempo di superficie. In base al numero dei tuffi eseguiti, alla loro durata ed alle profondità raggiunte il computer visualizzare l’allarme HYDRATE per ricordare all’apneista di idratarsi (anche qualora il bisogno non fosse avvertito dall’organismo).

 

jack seac

 

Sul mercato non ci sono altri computer con funzioni simili, nella maggior parte dei casi gli altri computer contemplano la semplice moltiplicazione del tempo del tuffo (impostata a mano dall’utente, es. tempo del tuffo per 1.5 volte, per 2.5 volte, ecc.) o un timer manuale, vedi tabella comparativa. In medicina e letteratura scientifica sono presenti più teorie sull’insorgere del Taravana e più concause che ne aumentano il rischio pertanto l’algoritmo di cui è provvisto si basa sul merging matematico dei tre fattori: 1.Saturazione da inerte, 2.Disidratazione e 3.Ipossia.

 

1. Saturazione da inerte

Calcolata utilizzando gli emiperiodi del Buhlmann ZHL-16B (già utilizzati per lo scuba) per ogni singolo tuffo: Tempo tuffo; Profondità tuffo; Velocità discesa; Velocità risalita; Shape del tuffo (ad “U” oppure a “V”).

2. Disidratazione

profondità tuffi; tempo tuffo; Numero di tuffi effettuati;

3. Ipossia

profondità tuffo; durata tuffo;

 

Questi “fattori fondamentali” sono poi integrati da altri “fattori eventuali” quali il rispetto del tempo di recupero consigliato nel tuffo precedente (Modalità Single) o in tutti i tuffi precedenti (Modalità Multi) e il livello di conservativismo impostato (T Level). L’algoritmo del taravana utilizzando tutti questi fattori genera il tempo di recupero consigliato per ridurre il rischio di Taravana e suggerisce quando è il momento di idratarsi.

 

Funzione allarmi

Al di la delle importantissime funzioni appena presentate, ciò che rende questo computer un prodotto molto interessante per tutti i pescasub e apneisti è la possibilità di impostare degli allarmi in maniera personalizzata.

Il computer permette di impostare degli allarmi acustici basati sul tempo oppure sulla profondità del tuffo. Sono disponibili 4 diverse modalità di allarme: FIXED, STEP, TIME ed OFF.

Allarme: FIXED

Allarme acustico al raggiungimento di tre “traguardi” precedentemente impostati dall’utente. Ad esempio allarme 1 a 10mt; allarme 2 a 20mt; allarme 3 a 35mt. Nella modalità FIXED è possibile impostare il computer in modo che emetta l’allarme alla profondità desiderata solo in discesa, solo in risalita oppure sia in discesa che in risalita. E’ inoltre possibile impostare un ulteriore avviso acustico che si attiva al superamento di un determinato tempo di immersione. (es. 3.00 minuti).

Allarme: STEP

Allarme acustico ogni “X” metri. Ad esempio allarme 1 a 5mt; allarme 2 a 10mt; allarme 3 a 15mt; allarme 4 a 20mt; allarme 5 a 25mt; ecc. La modalità STEP attiva l’allarme unicamente in fase di discesa e come nella modalità FIXED è possibile impostare un ulteriore avviso acustico che si attiva al superamento di un determinato tempo di immersione. (es. 3.00 minuti)

Allarme: TIME

E’ attivo unicamente l’avviso del superamento del tempo di immersione impostato.

Allarme: OFF

Nessun allarme attivo.

 

Funzioni outdoor

Infine oltre alle funzioni sin ora descritte e tipiche dell’impiego in immersione, JACK è corredato di altre funzioni che lo rendono utilissimo anche per le attività comuni svolte all’asciutto. E’ chiaramente un orologio quindi segna l’ora ed è equipaggiato di bussola, barometro, altimetro, previsioni meteo, termometro (atmosferico), contapassi (che indica distanza percorsa, velocità e calorie bruciate), cronometro, fasi lunari (ideale per le maree).

 

seac jack 

Joomla visitor tracking and live stats