PESCA IN APNEA IN CAMPANIA

SUI RELITTI DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

 

 

 

 

 

TORTORELLA Giuseppe,

46 anni, per molti anni agonista di prima categoria in competizioni nazionali ed internazionali per il c.c. Irno Salerno, ci porta con se sui relitti della Campania.

 


 

 

Quali sono le migliori località per la pesca in apnea nella tua regione e perchè?

Beh, un tempo ti avrei risposto punta licosa ma recentemente è diventata area marina protetta tuttavia ci sono delle altre località che regalano bellissime emozioni sia per le prede che per la bellezza dei fondali e sono Acciaroli e Marina di Pisciotta.

 

 

Che tipo di fondale e che tipo di prede più comunemente vi troviamo?

Entrambe le località, che distano tra loro poco più di 30km, sono caratterizzate da grotto esteso. Vi sono bei fondali a tutte le profondità, ma non vi sono pareti a picco, tuttavia la zona di grotto si estende verso il largo quindi è possiibile pescare su diverse batimetriche.

Questo tipo di fondale si presta bene all'incontro con diverse tipologie di prede che vanno dalla spigola al dentice.

Quali techniche secondo te sono piu adatte ad insidiare queste prede?

Le tecniche di pesca sono tutte valide, ma è ovvio che se vuoi pescare in caduta ti devi spingere a largo, conviene sempre usare il fucile lungo, anche in poca acqua, perchè non è difficile incontrare dentici grossi o ricciole che inseguono i cefali.

 

Che tipo di condizioni le caratterizzano generalmente?

Di solito troverete acqua limpida e assenza di corrente, quando è torbida comunque, una decina di metri di visibilità vi sono sempre. In entrambe le zone non vi è la stretta necessità di un mezzo nautico per praticare una pesca proficua e se si decide di trattenersi per un soggiorno di pesca la costa è disseminata di strutture ricettive praticamente sul mare.

Ho una grande passione per i relitti e la pesca su di essi, dove bisogna scendere per trovarli in Campania?

Per quanto riguarda i relitti, ci dobbiamo spostare di circa 30km a nord di Acciaroli, destinazione Agropoli e Paestum, due località distanti 10km tra loro. Li in seguito ad uno sbarco particolarmente cruento avvenuto durante la seconda guerra mondiale si trovano oltre 20 relitti adagiati su un fondo di sabbia e fango molto distanziati tra loro.

Su che batimetriche generalmente li troviamo e di che tipo sono? Sono ancora intatti o sono per lo più un ammasso di ferraglie informi?

I relitti sono ancora intatti per lo più si tratta di piccoli mezzi da sbarco ma ci sono anche alcuni aerei e carri armati e generalmente sono situati ad una profondità media di 20 metri. Per fortuna poi sono quasi tutti sgobri da reti che spesso avvolgono i relitti più vecchi in altre zone.

Che tipo di prede vi troviamo?

Beh dipende dal periodo, ad esempio in estate ci si trovano orate che vanno tra i cinque e i nove kg (come quelle che vedsete in foto) mentre le cernie di sabbia vi sono tutto l'hanno ed arrivano fino ai 20 kg, nel periodo di giugno vi puoi trovare spigole fino ai 9 kg e ricciole oltre i 30kg. Da ottobre invece, sono infestati da ricciole piccole che restano fino a fine novembre, prima di ottobre sono addirittura al di sotto del kilo e vengono decimate dai pescatori a traina.

Ci sono restrizioni da parte della capitaneria sulla pesca sui relitti?

Beh tecnicamente no, visto che io personalmente ne ho scoperti una ventina e ne sono ufficialmente segnalati sulle carte solo 3 o 4.

Un'ultima domanda, hai dei progetti relativi alla tua attività di pescatore in apnea in cantiere per il momento?

Si, dopo un certo periodo d'inattività che mi ero imposto in seguito a delle scelte della federazione che riguardavo il sistema di attribuzione punti e gli spostamenti con gommone a settembre ho deciso di riavvicinarmi al mondo dell'agonismo!

 

Giuseppe Tortorella

 

 

Joomla visitor tracking and live stats