PINNE SEAC MOTUS KAMA

NOVITA' SEAC SUB 2016

 

SEAC MOTUS KAMALe pinne che analizziamo oggi rappresentano la naturale evoluzione di un prodotto già presente nel catalogo della SEAC: le pinne MOTUS. Da quest’anno infatti sono disponibili anche nella versione mimetica con il nome di MOTUS KAMA. Si tratta di pinne mimetiche con pale intercambiabili in tecnopolimero che nella loro progettazione racchiudono dei piccoli accorgimenti che le rendono diverse dalle altre presenti sul mercato accrescendo il comfort e migliorando la performance.

 

I dettagli più importanti risiedono nel disegno della scarpetta. Per la sua realizzazione infatti sono state impiegate due differenti durezze di gomma termoplastica al fine di garantire il miglior compromesso tra comodità e prestazione. Le costole laterali (che nel loro prolungamento diventano poi i longheroni), la suola e una porzione della parte superiore (verso le dita, non verso il collo del piede) sono realizzate con una durezza maggiore per evitare la dispersione della forza generata durata la pinneggiata mentre le altre parti sono realizzate in gomma termoplastica più morbida per risultare comode e scongiurare l’insorgere di escoriazioni e vesciche con un uso prolungato. La scarpetta infine, nasce già con un’inclinazione di 22° che ottimizza il dispendio di energie.

 

La pala come detto in apertura è ora disponibile con un mimetismo molto bello che ritrae il tipico fondale di roccia e alghe (con prevalenza di marrone) del mediterraneo. Attraverso l’impiego di una tecnica innovativa (WFT) il fondale marino viene impresso direttamente nella plastica della pala e quindi non essendo stampato su una pellicola o un adesivo applicato in superficie, la resistenza alle abrasioni e all’usura è esponenzialmente maggiore. Verso l’estremità infine, la pala presenta due piccole alette che canalizzano l’acqua e migliorano il grip della pinna.

 

SEAC MOTUS KAMA SEAC MOTUS KAMA SEAC MOTUS KAMA SEAC MOTUS KAMA

 

Nel complesso si tratta di una pinna molto morbida e comoda che sinceramente consiglierei ad occhi chiusi per delle battute di pesca che implicano grandi spostamenti in superficie. Specialmente nel nuoto orizzontale permettono di accrescere l’ampiezza della pinneggiata e non affaticano le caviglie. Le quote operative alle quali si esprimono al meglio rientrano nei primi 15mt, li dove anche il loro mimetismo può giocare un ruolo determinante sull’esito dell’azione di pesca. Il comfort della scarpetta, in ultimo, è cosi importante da suggerirvi (qualora non troviate di vostro gradimento la pala) di tenerla in considerazione per il montaggio di vostre pale in carbonio.

 

 

 

 

Joomla visitor tracking and live stats