ARBALETE GUUN 30 SEAC SUB

IL NUOVO PRODOTTO DI PUNTA DEL CATALOGO 2016

 

arbalete guun 30 seac sub

Grazie alla collaborazione con il Sig. Acampora, la redazione di Nadirspearfishing ha avuto la possibilità di esaminare uno dei nuovi prodotti di punta per il 2016 della ditta SEAC: l’arbalete Guun Kama 30.

Nel catalogo SEAC 2016 viene presentato questo nuovo fucile con fusto in alluminio e sezione tonda da 28mm e da 30mm disponibile in versione nera o mimetica (kama). Le due sezioni, che comportano l’impiego di due diversi allestimenti, permettono di destinare l’arbalete a utilizzatori con esigenze diverse. Il fusto con la sezione più ampia garantisce una migliore performance in presenza di carichi maggiori, difatti la versione da 28mm viene allestita con doppio elastico da 14mm e asta da 6.5mm mentre quella da 30mm viene allestita con doppio elastico da 16mm e asta da 140cm x 7mm (sull’arbalete da 95cm). Quest’arma è sicuramente rivolta a pescatori più esigenti, dediti alla pesca di prede di grandi dimensioni. Abbiamo chiesto di poter testare proprio questa versione nella misura 95cm kama ed eccolo nel dettaglio.

 

Fusto

Il fusto come anticipato ha una sezione cilindrica con guida-asta integrato e scavato nella parte centrale. Nella parte inferiore invece presenta un piccolo bordino che corre lungo tutto il fusto e che, oltre a contribuire all’irrigidimento dello stesso funge da binario su cui far scorrere un accessorio molto utile. Nonostante l’azienda genovese abbia progettato quest’arma mirando all’alleggerimento del fusto, non ha mancato di tenere in considerazione i vari cambi di allestimento in cui ogni pescatore è solito cimentarsi e di conseguenza ha implementato il binario sotto il fusto per farci scorrere su un “floater”. Si tratta di un galleggiante in materiale plastico grande quasi quanto una mano che si fissa senza viti o clips, solo ad incastro quindi, e che può essere posizionato in qualsiasi punto del fusto per correggere l’assetto. La normale pressione esercitata da questo accessorio sul fusto gli permette di restare fisso nella posizione prescelta ma al contempo di poter essere spostato con facilità in un altro punto. L’ingombro è minimo e a nostro parere non ha alcuna implicazione negativa nel brandeggio e nel puntamento. Il concetto alla base di questo accessorio non è esattamente nuovissimo, poiché è stato già presentato negli anni passati da ditte italiane e francesi, ciò nonostante resta utilissimo e trova particolare applicazione nelle misure di fucile più lunghe, dite quindi addio al polistirolo e al sughero attaccati con il nastro isolante.

 

seac guun 30 seac guun 30 kama  seac guun 30 seac guun 30 kama 

 

Asta

Il fucile oggetto di questo test è fornito di serie con un’asta da 7mm mono-aletta superiore, di 140cm di lunghezza in acciaio 17-4PH trattato termicamente per essere più resistente ed al contempo elastico. L’asta è equipaggiata con tre pinnette modello shark e nella foto in basso è possibile vedere le distanze che le separano dai punti d’innesto degli elastici.

 

Testata ed elastici

La testata è stata disegnata per alloggiare proprio in punta una parte in gomma dura che permette di tenere saldamente il passaggio del monofilo sull’asta. Tutti i pescatori che usano fucili a testata aperta sanno quanto scomodo possa risultare ricaricare il fucile in acqua, specialmente in presenza di mare mosso, quando il ponticello in monofilo esce continuamente dalla sua sede. Questo stragemma risolve il problema.

Il fucile viene fornito di serie con una coppia di circolari da 16mm del modello power green. Si tratta di elastici progressivi (ambra interno) con una coestrusione verde scuro all’esterno. La lunghezza degli elastici forniti dall’azienda rende i circolari pari al coefficiente 300% di allungamento. Gli occhielli e l’ogiva sono realizzati con un trecciato bianco mentre le strozzature sono realizzate per mezzo di anelli di plastica. Abbiamo provveduto come prima cosa alla sostituzione di questo trecciato con del dyneema da 2mm. Per effettuare tale operazione è stato tuttavia opportuno segare via gli anelli di plastica avendo cura di non danneggiare la porzione d’elastico sottostante.

 

seac guun 30 seac guun 30 kama  seac guun 30 seac guun 30 kama 

 

Mulinello

Il fucile è di serie equipaggiato con un mulinello in tecnopolimero dalla grande capienza. Le caratteristiche principali di questo accessorio sono la manopolina richiudibile, già presente in altri modelli di altre marche, e la frizione che in solo mezzo giro passa da serrato a libero.

 

Impugnatura

L’impugnatura è un piccolo gioiellino in se in quanto è evidente l’attenzione che è stata rivolta nella progettazione dei particolari. Il meccanismo di sgancio è in acciaio inox (taglio laser) ed è abbastanza arretrato da portare la corsa utile dal primo elastico all’ultima pinnetta a ben 104cm. Il grilletto è lungo e molto sensibile. La presa è molto intuitiva e nella foto è possibile notare come una mano di medie dimensioni (misure in basso) si collochi sull’impugnatura. La sicura è nello spazio dedicato al pollice, quindi se inserita non può non essere notata e può parimenti essere disinserita con facilità in quanto il pollice non è impegnato nella presa dell’impugnatura al contrario dell’indice (alcuni produttori la mettono proprio dal lato indice). La parte colorata potrà successivamente essere sostituita con un’altra più voluminosa per mani più grandi ma tale accessorio sarà disponibile solo in seguito.

Il fucile nel complesso pesa 1.5kg, compreso tutto l’allestimento e il dyneema nel mulinello. È un prodotto molto curato nei dettagli e lo si può notare già dalla robusta sacca in tela nel quale viene venduto. Un prodotto di qualità che sicuramente non deluderà.

 

A breve il test in acqua.

 

seac guun 30 seac guun 30 kama 

 

 

 

 

Joomla visitor tracking and live stats