ZAVORRE SAPLAST

ELLENY & TORTUGA: INNOVAZIONE ED ESTETICA

 

 

Da tempo ero affascinato dagli articoli della Saplast e finalmente ho potuto con estremo piacere testarli in mare soddisfacendo a pieno la mia curiosità e le mie aspettative. Per chi non la conoscesse, questa ditta italiana guidata dal sig. Negri è da decenni presente nel mondo della subacquea ma negli ultimi anni si è distinta per la realizzazione di zavorre ecologiche.

 

Esse si differenziano da quelle che siamo abituati ad usare per due ragioni fondamentali, cioè l’assenza di piombo (altamente nocivo per l’ecosistema marino) e la presenza di uno speciale rivestimento plastico brevettato che le rende inattaccabili dagli agenti esterni ed esteticamente accattivanti. Questo rivestimento, disponibile nella versione mimetica marrone-verde per la pescasub (ma anche in tinte molto vivaci), si presta benissimo alla risoluzione di un altro problema legato all’uso delle comuni zavorre cioè la loro deformazione. Le continue sollecitazioni dovute agli urti contro gli scogli, sia durante la pesca che fuori dall’acqua quando pigramente lasciamo cadere la cintura per terra, con il tempo tendono a deformare la sagoma iniziale del piombo restringendo la larghezza delle fessure per il passaggio della cintura e a creare asperità che danneggiano irreparabilmente le cinture elastiche.

 

La linea di prodotti per la pesca in apnea si arricchisce di diversi accessori utilissimi come le cinture elastiche e non, i pedagni da 300gr, le zavorre mobili e le cavigliere “charly” da 1 kilo o da 500gr in materiale plastico con chiusura in velcro. La vera punta di diamante tuttavia è l’ormai famoso “tortuga”. Quest’ultimo è uno schienalino interamente realizzato in un morbido materiale plastico nel quale sono inseriti 4 dischi di metallo da 750gr che gli forniscono un profilo che ricorda quello di una tartaruga, da qui il suo nome, per un totale di 3 kili. I pesi non sono removibili ma integrabili. Se si vuole creare un assetto con uno schienalino di peso inferiore ai tre kili, ahimè non si può intervenire in alcuna maniera ma se lo si vuole appesantire il tortuga è provvisto di un foro centrale appositamente realizzato per adoperare una delle zavorre più innovative ed utili della Saplast: l’eleny.

 

L’eleny è un peso rivestito in materiale plastico, provvisto di un perno filettato che si avvita su un supporto in plastica che lo tiene saldamente fissato allo schienalino ma che ne rende allo stesso tempo facile la rimozione. L’ingegnosità di questo prodotto risiede nella possibilità di infilare la cintura nei  passanti del suo supporto in plastica in modo da farlo diventare in tutto e per tutto un peso mobile da svitare invece che da tirare per la sua rimozione. Grazie a questo stratagemma il tortuga diventa un valido supporto nelle battute invernali segnate inevitabilmente dall’impiego di molta zavorra da distribuire sul corpo. Gli spallacci realizzati in gomma (come quella delle cinture elastiche), coadiuvati dal tubicino in pvc che blocca lo schienalino in basso, garantiscono una salda aderenza soprattutto sulle mute lisce. Sul web si sono spesso trovate indicazioni di modifiche volte a rendere più agevole la vestizione ma vi assicuro che non solo assolutamente indispensabili poiché il prodotto è già funzionale cosi com’è.

Insomma questi articoli hanno tutti i numeri giusti per resistere molto più a lungo all’usura del tempo donando inoltre un tocco di “eleganza mimetica” alla nostra attrezzatura, provateli!

 

Joomla visitor tracking and live stats