PERMESSO DI PESCA IN APNEA IN SCADENZA: COSA FARE?

CENSIMENTO PESCATORI IN APNEA OBBLIGATORIO

 

Come tutti sapete i permessi di pesca registrati con il censimento dei pescatori obbligatorio del 2010 sono in scadenza ma la Fipsas ha concordato con il ministero un anno di proroga il che implica che saranno validi per tutto il 2014.


Ecco il comunicato ufficiale (fonte sito FIPSAS):

“Erano già alcuni mesi che sia la FIPSAS che il Presidente Matteoli nel costituire il Tavolo di Concertazione con le altre Associazioni di Pesca in Mare si erano posti il problema della imminente scadenza (anno 2014) di tutte le comunicazioni obbligatorie per l’esercizio della pesca in mare volute con il cd. “decreto Galan” del 2010 che principalmente è servito a censire ufficialmente tutti i pescatori sportivi e ricreativi del mare.
Dopo varie riunioni e contatti con la Direzione Generale della Pesca nei mesi di novembre e dicembre dello scorso anno, non essendoci la possibilità economica di realizzare un aggiornamento del software (che elabora e gestisce i permessi) nè quella di utilizzare risorse umane e tecniche interne al Ministero addette ai rilasci dei rinnovi in scadenza, è emersa la comune volontà, sia del Ministero che della FIPSAS, anche a nome delle altre Associazioni, di prevedere una proroga di un anno (fino al 31/12/2014) per tutti i pescatori sportivo-ricreativi, tesserati e non, per rinnovare i permessi scaduti e quelli in prossimità di scadenza.
Ribadendo la obbligatorietà, a tutt’oggi, per chiunque non ne sia in possesso, di effettuare la comunicazione obbligatoria per esercitare l’attività di pesca in mare, pena essere sanzionati dalle Autorità competenti, per tutti quelli (più di un milione) ai quali è già scaduto e/o scadrà a breve

COMUNICHIAMO

a tutti i pescatori sportivi e ricreativi di continuare la propria attività alieutica senza problemi per l’intero anno 2014.
Resta valida esibire alle Autorità l’attestazione precedente (anche se scaduta).

Ecco perchè, dopo aver registrato con soddisfazione e gratitudine l’impegno e la disponibilità della Direzione Pesca, nella persona del Direttore generale, Dott. Emilio Gatto e dei suoi collaboratori, chiediamo a voi e a tutti gli amanti di questo Sport bellissimo di pazientare sino alla prossima settimana, nella quale il Ministro De Girolamo apporrà, sicuramente, la propria firma al Decreto di proroga già predisposto e inviato alla sua attenzione.
Del quale, provvederemo subito a pubblicarne copia per la massima informazione e diffusione a tutti i pescatori.

Questo risultato, ovviamente è frutto della partecipazione e condivisione che ultimamente tutte le Associazioni di categoria, seppur mantenendo la propria individualità, hanno raggiunto con la costituzione del Tavolo di Concertazione per affrontare le problematiche sia delle acque interne che del mare, fortissimamente voluto dal Presidente Federale Prof. Ugo Claudio Matteoli.”

 

E' BENE RICORDARE CHE...

L'attestato di conferma della comunicazione dei propri dati sarà un requisito indispensabile per lo svolgimento dell'attività di pesca.

Niente allarmismi però in quanto nella pagina di presentazione del censimento è specificato che "chi non avrà fatto la comunicazione, se soggetto a controlli, dovrà svolgere gli adempimenti previsti entro dieci giorni per non incorrere in sanzioni". Nel decreto visibile qui tuttavia è scritto che se non in possesso della conferma di comunicazione in fase di controllo da parte delle autorità preposte, l'attività di pesca deve essere sospesa.  nEL DECRETO VISIBILE QUInel

Per effettuare il censimento occorre prima registrare un account personale sul sito del ministero e poi riempire i vari campi con le proprie generalità e la descrizione di come si svolge la propria attività di pesca ricreativa, per esempio se usiamo un natante e che tipo, se usiamo la canna o il fucile, ecc.

Ecco il link per aderire al censimento e qui sotto uno screenshot della pagina di presentazione.

 

CENSIMENTO

Joomla visitor tracking and live stats