LA PESCA IN APNEA AL FEMMINILE

IL MARE SI TINGE DI ROSA CON LE MUTE MAREA

 

Cristina Villaverde nasce come figlia d'arte di un uomo che ha un'esperienza trentennale (se non di più) del mare. Giacomo Villaverde. Istruttore di A.R.A. SSI che le ha fatto indossare un autorespiratore ad aria a poco più di 12 anni! E Cristina ancora adolescente mentre tutte le sue coetanee pettinavano le bambole, esplorava i fondali marini divertendosi con le bombole! 

Più di un padre, il suo mentore, il suo maestro di vita e di mare. Colui che le ha trasmesso i geni come istinto innato e che crescendo l'ha plasmata tirando fuori la magia che si sprigiona tra lei e il mondo acquatico nel momento in cui entrano in contatto visibile a tutti coloro i quali hanno il privilegio di ammirarla come fosse un delfino o una sirena quando è libera di esprimersi nel suo elemento!
La Dott.ssa Villaverde (informatore medico-scientifico) consegue prima il brevetto open I livello SSI e si dedica alle immersioni subacquee esplorando i fondali di Selinunte,Porto Palo di Menfi, Torretta Granitola, e altro, poi consegue il titolo d'Istruttrice nuoto Fin I livello (adulti e bambini) e si specializza in nuoto neonatale (0/3 anni) con metodo Giletto conseguendo 3 livelli di specializzazione diventando Baby Swim Trainer e Baby Swim Instructor che per passione pratica l'apnea pura e la pesca in apnea. Una vera rarità in questo mondo. L'unica ragazza in tutta la Sicilia Occidentale che si mette un arbalete (fucile per pesca in apnea) in mano e va per mare a caccia di cernie...ricciole, leccie, spigole, orate, corvine e dentici....e se capita, pure tonni!
Spesso le han chiesto "cos'è il mare per Cristina Villaverde?" Ha sempre risposto che è difficile da riassumere in un concetto unico e finito, perché il mare per lei è innanzitutto fonte d'ispirazione assoluta, e poi è l'amante perfetto, che non significa quello più fedele perché la prima cosa che suo padre le ha insegnato è il rispetto che deriva dal timore per il mare. Il mare va temuto prima di tutto! Rispettato. Amato e Sofferto allo stesso tempo. Chi lo ama porta i segni indelebili sulla propria pelle. E lei ne è un esempio! Ma in mare si fa esperienza, e così dev'essere per poterne avere rispetto. Il mare fortifica lasciandoti i segni addosso..


Ma è capace anche di guarire ogni cosa, di sanare ogni ferita fisica o mentale che sia! è l'amico ideale che sempre ascolta paziente e non si lamenta mai. Il mare è capace di avvolgerti e confortarti tra le sue acque, di amarti ma alo stesso tempo sa anche tradirti. Questo è il motivo per cui va temuto.
Perchè l'apnea? Immergersi in apnea per me (paradossalmente) significa respirare. Trattenere il fiato per far 'respirare' la mente. Quando scendo in apnea siamo soli. Io e l'Immenso Blu. Lontani dalla realtà quotidiana e in intimità profonda. Ci si immerge in apnea per vivere quasi un'esperienza mistica ai confini dell'immaginazione come una sorta di preghiera di purificazione dell'anima. Chi (come me) viene dalla scuola Apnea Academy sa che il nostro 'Maestro' (Umberto Pellizzari oltre che pluricampione mondiale è il fondatore di questa scuola) insegna che ci si immerge in apnea "non per guardare ma per guardarsi dentro" (cit.). Un tuffo in apnea è un viaggio introspettivo. Un modo per liberare la mente e dar spazio alle emozioni arrivando a conoscere se stessi e i propri limiti.
Dopo ogni tuffo in cui il tempo si ferma, lo spazio si amplifica, i sensi si abbandonano in quell'immensità di molecole di idrogeno e ossigeno la sensazione che si prova è quella di sciogliersi e diventare acqua in acqua, mescolando anima e acqua in un connubio perfetto. Spesso capita che la gente chieda "la profondità massima raggiunta". Noi apneisti non misuriamo la bravura in metri, preferiamo farlo in emozioni.


A dover di cronaca mi tocca esporre la quota massima raggiunta: -30mt in apnea. Durante uno stage a Marettimo (arcipelago delle Egadi) con la slitta del No-Limits e con 2 istruttori in assistenza. Il tempo si fermò. La mente libera si estraniò dal corpo e mi sembrò come morire e rinascere...
Perchè la pesca in apnea? Cristina è cresciuta a "pane e mare"...è cresciuta con la brezza che le accarezzava il volto e si lasciava inebriare da quel profumo inconfondibile che solo il mare regala... Una delle primissime volte che si è messa un fucile in mano per 'provare' l'adrenalina che la pesca in apnea suscita ha portato a termine una delle catture più belle e ambite di un pescatore in apnea. Un'esemplare di leccia (Lichia amia)* da Kg 10. Quella cattura le aprì la strada alla pesca in apnea. Sport nobile che va eseguito in sicurezza in cui nulla è lasciato al caso. E soprattutto sempre in coppia. Mai da soli. E con la boa segnasub come Must assoluto.


Istruttrice di nuoto presso la piscina comunale Azzurra Club di Menfi, sogna una piscina nel suo paese natale, Castelvetrano. Un impianto idoneo dove poter insegnare il nuoto ai bambini e agli adulti che vorrebbero avvicinarsi al meraviglioso e curativo mondo dell'acqua. Impianto costruito ad hoc con 2 vasche: una vasca olimpionica (50mt) dove poter insegnare il nuoto, l'acquafitness e altro...e una mini vasca riscaldata (34°/36°C) dove praticare il nuoto baby, esperienza ludico-ricreativa tra il genitore e il proprio neonato che rafforza il legame genitore-bimbo per le proprietà che l'acqua emana. L'acqua è vita. L'acqua comunica. Siamo noi che dovremmo imparare ad ascoltarla... Vorrei donare i miei occhi a chi teme il mare e l'acqua in genere, per riuscire a far vedere cosa si cela sott'acqua. In quel mondo incantato che regala emozioni...emozioni blu. Parola di una sirena.


Cristina Villaverde


Fonte originale: http://castelvetranonews.it/notizie/?r=54y

 

Joomla visitor tracking and live stats